domenica 26 ottobre 2014

Lion Rampant

Partita di prova a Lion Rampant.
Per meglio confrontarlo con Saga abbiamo deciso di usare armate simile alla prova fatta con quest'ultimo regolamento, abbiamo usato le armate d'esempio presenti a fine regolamento.
Per cui io ho guidato ancora i cristiani spagnoli:
  • mounted man-at-arms (leader) @ 6 punti
  • 2 x mounted Yeomen con giavellotto @ 2 x 3 punti
  • 2 x foot serjeants @ 2 x 4 punti
  • slingers @ 4 punti
contro gli spagnoli mussulmani di Pierpaolo:
  • mounted serjeants (leader) @ 4 punti
  • 2 x mounted Yeomen con giavellotto @ 2 x 3 punti
  • 2 x foot Yeomen con giavellotto @ 2 x 3 punti
  • crossbowman @ 6 punti
  • 2 x bidowers @ 2 x 2 punti
Una piccola nota prima di passare al report: siccome questo regolamento prevede di attivare con un test per fare gli ordini, se si sbaglia il test si passa all'avversario per cui vedrete che non tutte le unità potrebbero essere state attivate o addirittura sono stati saltati dei turni... se sbagli il primo test non fai nulla.
La missione consisteva in un'imboscata ad un convoglio che doveva passare da uno spigolo al suo opposto del tavolo.
Tiriamo chi sarà l'attaccante (chi porta il convoglio) e chi il difensore (chi farà l'imboscata) e sarà Pierpaolo il portatore dei convogli! Sono tre convogli e ne da due a una unità di foot serjeants e l'ultimo all'altra sempre di foot serjeants, inoltre nel suo triangolo di schieramento di sta anche un'unità di bidowers.
Io schiero all'uscita i miei tiratori con un'unità di fanteria mentre negli altri due spigoli sempre un'unità di cavalleria leggere accompagnata dal mio leader nell'angolo più vicino al nemico e dalla fanteria in quello più lontano. Questo perché l'unità del leader è la più forte e voglio (vorrei...) che ingaggi il nemico prima possibile mentre i fanti sono i più lenti per cui ci metteranno del tempo a posizionarsi.
Movimento pre-partita dei convogli e solo uno dei due si muove.
I mussulmani avanzano entrando con quasi tutto, solo i balestrieri non riescono a schierarsi (non c'è spazio!)
I cristiani avanzano verso il nemico.
I mussulmani continuano la loro corsa ma i balestrieri non riescono ancora a palesarsi sul campo di battaglia.
I cristiani si portano in posizione pronti per combattere e i cavalleggeri infilzano un cacciatore (bidower), primo sangue per i cristiani!
Finalmente i balestrieri fanno la loro comparsa sul campo.
I cristiani sono finalmente in posizione pronti ad attendere i mussulmani (notate che il mio leader è fermo dal secondo turno...).
I cavalleggeri mussulmani a sinistra uccidono un mio cavalleggero prima di darsi alla fuga mentre quelli a destra non riescono a bissare l'azione.
Questa volta sono i balestrieri ad uccidere un mio cavalleggero mentre il resto dei mussulmani avanza.
Il mio leader si sveglia e cancella i cacciatori che non riescono a fuggire, ovvero con armatura ridotta ad 1 si subiscono 11 morti senza scalfire i cavalieri pesanti.
I balestrieri uccidono un altro cavalleggero mentre i cavalleggeri mussulmani a destra distruggono la mia seconda unità di cavalleggeri.
I miei arcieri pungono i cavalleggeri mussulmani uccidendone uno e costringendoli alla fuga.
I cavalleggeri mussulmani si riprendono (e nulla altro per questo turno).
Riesco a muovere il leader (alleluja!!!) mentre il resto dell'armata cerca di avvicinarsi ai mussulmani. I miei sergenti in mezzo alla strada si dispongono su due ranghi per meglio assorbire l'impatto nemico.
La cavalleria mussulmana cerca di ingaggiare i miei cavalleggeri rimasti.
Il mio leader cancella la sua seconda unità nemica perdendo un cavaliere (ri-alleluja!!!), mentre i miei cavalleggeri si posizionano nel bosco per cercare riparo dall'imminente carica nemica.
Che ovviamente mi cancella i miei cavalleggeri lasciando al suo un unico mussulmano.
Muovo i miei sergenti per cercare di avvicinarmi il più possibile ai convogli.
I mussulmani ormai sono vicini alle porte della città.
Con un unico tiro da parte dei miei arcieri cancello l'unità con due convogli (vincendo immediatamente la partita con 4 punti sui 6 disponibili!) mentre i miei sergenti partono alla carica dell'altro convoglio uccidendo un mussulmano e costringendoli alla fuga.
Unità partita sicuramente gli arcieri!
Cosa penso di Lion Rampant?
Decisamente molto meglio Saga!
Ok, il regolamento di suo è molto semplice e permette di costruirsi le proprie armate come meglio si desidera, non ci sono liste storiche pre impostate. Quindi da questo punto di vista è ottimo se si vuole giocare anche contro nemici decisamente fantasy o avversari molto fantasiosi.
L'abilità casuale del leader ricorda parecchio i tratti del warlord di Warhammer 40.000 e ha lo stesso problema: può capitarti un'abilità decisamente utile come una perfetta inutile. Fate conto che Pierpaolo poteva ritirare un test ordine fallito entro 12” dal suo leader (usata parecchio) mentre io ritiravo due dadi attacco, usati ma non decisivi.
Pecca immensa l'attivazione casuale, o meglio il fatto che se sbagli ad attivare l'unità passi il turno all'avversario!
Come avrete notato ci sono stati turni inesistenti (due turni consecutivi dei mussulmani una volta mentre l'altra volta sono stato più fortunato e sia io che Pierpaolo abbiamo perso il turno) oppure turni dove viene attivata un'unica unità.
Non riesco proprio a comprende perché pagare un punto in più per i cavalieri pesanti per togliergli la carica obbligatoria quando per bilanciare questo handicap c'è già il fatto che se sbagli il test non passi il turno...

Insomma molto carino sempre il fatto di poter usare qualsiasi miniatura/imbasettamento e di poter costruirsi la propria armata, ma da soli questi fatti non bastano a fare di un gioco un buon gioco.

giovedì 16 ottobre 2014

L'oscura legione ha leore contate!

Tra l’alimentatore del portatile che mi ha salutato per sempre e gli impegni sono in straritardo nello scrivere questo report! Ed ovviamente non posso nemmeno editare le fotografie… tra l’altro anche la mia macchina fotografica sta peggiorando la qualità delle foto, mi sa che sarà il mio prossimo acquisto.
Comunque sia, partita a 750 punti a Warzone contro l’oscura legione di Mario, giocando la fratellanza non posso chiedere nemico migliore!
Abbiamo entrambi giocato con un warlord personalizzato, io ho schierato (749 pt):
  • Warlord inquisitore da tiro (+2RS,+1A) armato di AC-40 (+1ROF) ed un U-boost shot, incantesimo persistence of time [135 pt]
  • 10 truppe della fratellanza, incantesimo persistence of time [135 pt]
  • 3 guerrieri sacri, incantesimo emerald bastion [99 pt]
  • 5 mortificators, incantesimo emerald bastion [115 pt]
  • 2 Judicators, incantesimo persistence of time [265 pt]

Di contro Mario ha schierato (754 pt):
  • Warlord nefarita di Algeroth psionico (+2WP, -1 LD, ranger) con solo la sua arma da corpo a corpo e talisman of protection, chemical resurection, dark blasfemi, rampage of shadow [210 pt]
  • 5 necromutanti, 1 heavy plaguer [115 pt]
  • 6 legionari guidati da un necromutante, 1 heavy plaguer [85 pt]
  • 6 legionari guidati da un necromutante, 1 heavy plaguer [85 pt]
  • 2 pretorian stalker (ognuno con il lanciafiamme aggiuntivo) [180 pt]
  • 1 razide con Nagzaroth [79 pt]
Abbiamo tirato a caso per le missioni ed è uscita solo la missione primaria dove l’attaccante sta fuggendo e deve raggiungere il centro del tavolo per l’estrazione dal campo di battaglia, peccato che il difensore è li pronto ad attenderlo! Vince l’attaccante se riesce a portare al centro almeno un quarto dei suoi punti.
Per il tavolo abbiamo ricreato una zona in rovina con un quarto occupato dal cimitero. Tutte le coperture sono pesanti tranne le lapidi e le staccionate che sono leggere, terreno difficile solo i crateri.
Io ovviamente schiero tutto al centro, che ci stanno non proprio così comodi…
Mario invece si ritrova con i legionari alla mia sinistra, nefarita e necromutanti alla mia destra mentre sul fondo i “mostri”. La rapide è schierata nella rovina nell’angolo in alto a destra mentre gli stalker nel cimitero.
Primo turno: con i mortificators in “vuoto” e l’inquisitore a guardia del punto di uscita, il resto comincia la caccia alle forze oscure uccidendo qualche necromutante ed un legionario. Un fante della fratellanza ed un guerriero sacro raggiungono la luce in nome del Cardinale.
Secondo turno: spazzati via i necromutanti i Judicators si concentrano sul razide mentre altri fedeli della luce passano a miglior vita combattendo le forze non morte della legione.
Terzo turno: con l’intervento dei mortificators che lasciano il vuoto riesco ad uccidere uno stalker mentre i fanti riescono quasi a cancellare una squadra di legionari (ne manca uno).
Ultimo turno: con l’uccisione del nefarita i Judicators concentrano il loro fuoco sulla razide distruggendola. I mortificator finiscono l’ultimo stalker e cominciano a correre verso i legionari ma arrivano tardi, i fanti finisco il loro lavoro distruggendo fino all’ultimo non morto.
La luce della fratellanza ha debellato completamente l’oscura simmetria! Sia benedetto il Cardinale!

domenica 12 ottobre 2014

Neverwinter

Neverwinter, forse la più famosa delle città di Forgotten Realms, rivive di nuovo nell'ennesimo video gioco.
Ovviamente non potevo non giocare il ranger! Ho provato mezzelfo ma non ho visto grandi differenze tra le varie razze in gioco.
Ogni personaggio ha due versioni visibili, quello realmente equipaggiato e un vestito “da festa”.
Il gioco si può dividere in due parti: la prima è la più interessante ed è la crescita del personaggio. Si parte dal primo livello e si sale fino al 60° crescendo con i propri talenti e abilità attraverso varie zone. Ogni zona termina con un dungeon che si deve giocare in cinque, inoltre ogni zona è caratterizzata da una fazione. Raccogliendo emblemi della fazione della zona si possono riscattare altri emblemi per poter comprare equipaggiato magico molto potente. Questi emblemi sono lasciati anche dai boss dei dungeon, per cui è possibile giocare molte volte i vari dungeon al solo scopo di raccogliere più velocemente questi emblemi.
Si è accompagnati da un seguace, un png che ti segue e combatte con te, il più utile è la chierica in quanto ti cura mentre tu picchi tutto il resto.
Il sistema di creazione non è male, si basa sul tempo non solo su cosa raccogli per il mondo. Riassumendo non sei tu che crei ma tu assumi artigiani che creano per te, salendo di livello puoi far lavorare più artigiani contemporaneamente e puoi fare tutti i lavori disponibili.
La seconda parte del gioco è quella più noiosa che mi ha fatto decidere di smettere di giocarlo, invece di salire di livello si sale di equipaggiamento attraverso “campagne” che ti donano equipaggiamento magico sempre più potente e abilità “ricompensa”. Il problema è che le missioni sono un numero limitato per cui devi ripeterle fino a raggiungere tutte le ricompense!
Altro vero lato negativo del gioco il denaro: ne hai di due tipi monete e diamanti. Con le prime di fatto ti compri pozioni di cura e basta... Quindi per me non ha senso.
Questa è la guerriera drow armata pesantemente che ho provato per vedere com'è un'altra classe. Una volta terminata la prima parte il gioco non è più interessante.

sabato 11 ottobre 2014

Guerrieri Sacri

Ultimati anche i guerrieri sacri della fratellanza!
E con questi ho terminato tutte le scelte truppa del kickstarter , adesso mi mancano un warlord/lord, Laura, e le scelte di supporto, mortificatori e vestali, oltre ai Doomtroopers e al pilota dell'Icarus.
Questo kit è il peggiore che finora ho trovato della Prodos, sia ben chiaro che non è “pessimo”... solo che non mi ha soddisfatto pienamente.
È composto da corpo, braccia con spada o con pugno chiuso, spallacci, scudo e testa. Su cinque spade quattro avevano la lama staccata completamente dal braccio e la quinta era tutta storta, essendo molto sottili ho fatto prima a cambiarle tutte con quelle dei non morti della Mantic. Saranno un pelo corte ma almeno sono di uno spessore lavorabile!
Anche gli scudi non mi soddisfano completamente, hanno due fori ma se ne può utilizzare uno solo in quanto il braccio che dovrà reggerli ha un solo perno! Il buco non usato si vedrà comunque...
Anche se non l'ho fotografato ogni scudo ha l'emblema bianco e rosso al centro, così come ogni guerriero ha il suo libro anche se solo tre sono completamente visibili. Al sergente ho dipinto, come al solito, gli spallacci bianchi tenendo per tutti il nero-nero per l'armatura ed il rosso delle vesti, in questo caso ho provato ad estenderlo ai mantelli per vedere come rendevano.

Prossimo progetto sono i due “progetti segreti”. Per cui dal punto di vista pittorico ci si rivede tra un pochetto...

mercoledì 8 ottobre 2014

Golden Phoenix Melisandra

Ecco il mio risultato dell'ultimo Golden Phoenix, il concorso di pittura veloce della mia associazione.
Melisandra è l'ultimo modello che mi rimaneva da dipingere dal Kickstarter di Dreadball, quindi posso festeggiare la fine della pittura di un kickstarter a cui ho partecipato!
All'inizio volevo dipingerla gialla e grigia, ovvero grigia con le parti di armatura gialla, ma poi sono ho deviato per toni a me più familiari e cari con il verde e blu.
Sul retro il numero, scelto a caso dal nostro presidente, e l'ombra che si vede solo a terra... in realtà ho passato la lavatura nera su ogni parte in ombra del modello ma si vede solo sul grigio.

Avendo finito abbastanza velocemente questo modello mi sono portato anche a buon punto con i guerrieri sacri, ma adesso devo dipingere un paio di progetti speciali segreti per cui non è detto che li finisca a breve nonostante mi manchi veramente solo pochi colpi di pennello.

venerdì 3 ottobre 2014

Ayo Gurkhali!

Tra i molti impegni ed il lavoro, sempre troppo a prescindere, ecco terminati i miei primi dieci Gurkhas!
Nella confezione ce ne sono venti guidati da un ufficiale britannico, per adesso ne ho montati una squadra completa da dieci con una LMG e tutti con la testa con il casco con le foglie.
I modelli in metallo li preferisco di gran lunga rispetto ai modelli in plastica, entrambi della Warlord.
Come dimensioni sono perfettamente compatibili, solo i fucili sono un pelo più grandi (come spessori non come lunghezze) e questo mi fa solo un gran piacere! Più semplici da dipingere e soprattutto non sono così fragili.
Di sicuro l'avere gli zaini già integrati nel modello li posiziona tutti allo stesso posto (quello giusto). Una vera differenza, dei miei modelli, sono i colori! Ovvero tutto dipende dalla base... Finora ad ora ho dato a tutti i miei inglesi una base spray che però non riesco più a reperire per cui ho dovuto fare altrimenti.
Per adesso mi devo preparare per domenica, salute permettendo, per il classico appuntamento pittorico della mia associazione ma poi è ancora tempo di Warzone con i guerrieri sacri, l'ultima scelta“truppe” che mi manca di dipingere.